domenica 26 febbraio 2012

Viaggio nell'Isola Misteriosa 3D - La mia pseudorecensione

Viaggio nell'Isola Misteriosa - basato sulla sceneggiatura di Richard Outten “Mysterious Travels: The Lost Map of Treasure Island” - è un film per ragazzi, dove l’avventura prende il sopravvento sul verosimile. La necessità di non far annoiare spinge alla velocità: da una scoperta di poco conto nella stanza di un ragazzo americano (Josh Hutcherson) all’arrivo su un’isola misteriosa (che altri non è che Atlantide) il passo è breve. Forse un po’ troppo. Ma il tutto è riscattato da quanto è bella la ricostruzione degli interni del Nautilus, che compare nel film verso la fine.
Il film (seguito di Viaggio al centro della terra 3D) è piacevolmente farcito di riferimenti letterari e avventurosi: Jules Verne in primis, ma anche Stevenson e Swift dei Viaggi di Gulliver. A riprova che, anche se il 3D è una tecnologia innovativa e avanzata, la fantasia ha radici antiche e le buone storie non muoiono mai.

Nessun commento: