giovedì 15 dicembre 2011

Un trascrittore di storie - Revival 6

Era il primo maggio 2007 e io volevo un trascrittore di storie. E lo vorrei anche oggi, anzi forse soprattutto oggi che il tempo è sempre meno e se ci fosse qualcosa a trascrivere in automatico le storie che mi danzano intorno sarebbe perfetto. Si vede che ne ho bisogno dalla sintassi dell'ultima frase.



A volte, vorrei una macchina per leggere nei pensieri. Che li legga e li acquisisca, per poi riscriverli. Che mentre dormo, si metta a dattilografare i miei sogni. Così da non perdere nessuna sfumatura, nessuna parola, di ciò che penso e sogno. Così non dovrei disperarmi quando, poi, davanti al foglio bianco la parola giusta non viene mai.

Nessun commento: