sabato 26 novembre 2011

Revival 1 - Chi ero, chi sono

Come anticipato nel mio primo post, traslocherò qui dentro alcuni post del mio vecchio blog che mi sembrano degni di nota. Questo di seguito, non so se è degno di nota, ma è la presentazione che avevo fatto di me il giorno in cui decisi di aprire "Una laureanda in cerca di...". E' tutto ancora valido, tranne l'età (purtroppo) e la mia condizione di laureanda e disoccupata (per fortuna).


Mi chiamo Chiara e ho 24 anni.
Tra circa un mese mi laureo. Di nuovo. Eh si, perché adesso per essere disoccupati non basta più ottenere una laurea dopo 4 anni di duro (di solito) studio, ma ce ne vogliono 2 di lauree, dopo 5 anni di studio.
Come avrete capito, sono in cerca (anche) di lavoro. E quindi questo significa che al momento sono disoccupata. Perciò ho più tempo per scrivere. Per me scrivere è importante: ogni volta che inizio, vorrei saper creare personaggi e storie, che possano divenire familiari, vorrei dar vita a nuovi amici per bambini che vivono sul mare.
Da piccola, infatti, vivevo sul mare, in un paese che d’inverno contava cinquecento anime. Dormivo nello studio di papà: una finestra sul Mediterraneo ed una libreria altissima spalancata sulla letteratura. Mi affascinavano tutti quei libri e non vedevo l’ora di poterli leggere per capire perché mio padre li custodisse come tesori. A sette anni chiesi il permesso di leggerne uno. Mio padre scovò un libro malconcio e mi disse: “Prova”. Io mi sedetti sul letto e cominciai a leggere. Entrai in un mondo di meraviglie e paure; i personaggi mi fluttuavano intorno ed io credevo di conoscerli: avevo degli amici, in quel paese sul mare.IMG_0930
In altri momenti, vorrei soltanto plasmare personaggi dai mille caratteri che ogni giorno incontro, metterli su carta, dopo che per ore mi ronzano intorno, mentre vivono di una vita propria di cui nessuno si accorgerebbe, se io non ne scrivessi.
Per me scrivere è vivere, è provare a restare vivi anche dopo morti, è dare vita a chi altrimenti non nascerebbe mai.
E dopo questa sviolinata su che cosa per me vuol dire scrivere, avrete capito che non sono proprio normale, quindi magari vi conviene rimanere collegati…potrei anche farvi divertire!


Nessun commento: